Archivi tag: evento

CHIAMATA A RACCOLTO (Mostra e Scambio di Sementi Antiche) domenica 25 novembre a FELTRE (BL)

Standard

Mancano pochi giorni a “CHIAMATA a RACCOLTO” e gran parte del programma è ormai ultimato

Il tutto avrà luogo  domenica 25 novembre a FELTRE (BL) presso il bocciodromo sito al “Foro Boario” (dove convergono viale 14 agosto 1866 e via Peschiera) per visualizzare la mappa cliccare qui

All’interno del bocciodromo (quindi in ambiente coperto e riscaldato) ci saranno una serie di realtà, gruppi, associazioni.. cittadini che esporranno e scambieranno sementi antiche,, che proporranno laboratori, percorsi, iniziative
legate alla sostenibilità, al biologico, alla biodiversità..

Apertura della giornata alle ore 10
Pressapoco a quell’ora partirà (dal bocciodromo) anche una prima “passeggiata” per conoscere Feltre. Tale passeggiata sarà preceduta da un racconto storico, architettonico, paesaggistico della città a cura dell’associazione “la Fenice”
La passeggiata della mattina prevede una camminata per le vie della città

Nel primo pomeriggio invece (alle ore 14 circa) l’escursione prevederà invece la visita al bellissimo Teatro “de la Sena” (la piccola fenice) e a un museo cittadino
A completare l’interessante panoramica sulla città che ci ospita l’intervendo del geologo Emiliano Oddone incentrata sull’ importante riconoscimento UNESCO alle Dolomiti Patrimonio dell’Umanità.
Ricordiamo che la giornata “chiamata a raccolto” è stata inserita nel Programma Nazionale della Settimana UNESCO di Educazione allo Sviluppo Sostenibile 2012 (dedicata quest’anno al tema Madre Terra: Alimentazione, Agricoltura ed Ecosistema).
(per leggere un resoconto sulla questione cliccare qui)

Ovviamente sia le escursioni che l’ingresso alla giornata sono GRATUITE !!

All’interno del Bocciodrono troveremo invece:
(cliccando sul nome dell’associazione è possibile visionare loro blog o siti)

Consorziopatata quarantina (con le sue 280 varietà di patate storiche)
Institut Agricole Régional (scuola agraria valdostana coi cerali altichi alpini)
spazi in frutto (e i frutti antichi bellunesi)
una folta delegazione di civiltàcontadina (veneti e lombardi) con sementi e giochi antichi
A. Cantele (da Asiago con sementi ed erbe)
Paola e Diego (con svariati tipi di mais e la chicha morada)
ca’ dell agata (le sementi dello storico agriturismo di Zugliano -VI)
altro mercato Mogliano (con le sementi antiche legate a un interessante progetto)
i ragazzi della skasera (con le sementi del loro orto comune)
coltivare condividendo (con le 35 varietà di fagioli e le sementi antiche bellunesi)
mauro e vittorino (che impaglia sedie e porta i suoi semi auto prodotti)
Nathan (che costruirà una cartina sul dove vanno le varie sementi)
arianova(progetti di sostenibilità ambientale)
pubblicheenergie (risparmio energetico ed energia pulita)
GRUPPI dI ACQUISTO SOLIDALE (Feltre,  Belluno..il Gasdotto)
Associazione Italiana Agricoltura Biologica
Comitato anti pesticidi zona del Prosecco (per inorridira dinnanzi a un ipotesi di futuro per la nostra Valle)
radiogamma 5– NO OGM
Associazione settimo cielo (con il distillatore di oli essenziali)
Rastafari (ricette vegetariane – vegane)
raccolta fondi valle del Mis
gli amici di spiazziverdi ..con i loro svariati progetti
Associazione F.A.N.T.A.S.T.I.C.A.
la filiera dei cereali antichi veneti – piergiorgio De Filippi -aveprobi
dolomiti bio (associazione aziende biologiche bellunesi)
associazione per la tutela del fagiolo gialet (con disciplinare di coltivazione biologico)
Gruppo AUTO PRODUZIONE SAPONI (come far eil sapone in casa)
Am TERRANUOVA

Nel corso della giornata, oltre alle escursioni sono previsti una serie di laboratori per bambini e adulti (ade s. Mauro Flora insegnerà ai bimbi cole coltivare i semi antichi anche sul balcone di casa)

Non mancherà la musica !!!!!!!!!!!!!!

verso le 14.30 ci sarà un interessante convegno sulla questione LAND-GRABBING (accaparramento di terre pubbliche)  Al quale verrà proposta la gestione pubblica (con orti sociali ecc..) avanzata dal Comune di Feltre

interverranno: Valter Bonan (assess. agricoltura beni comuni e partecipazione comune di Feltre) Eliana Caramelli (spiazzi verdi) Mattia Donadel (Opzione Zero) e chiunque vorrà..

infatti per tutta la giornata è disponibile il MICROFONO APERTO

Non mancheranno Mostre fotografiche, presentazioni dei Distretti di Economia Solidale e una importante iniziativa legata al progetto di SELEZIONE PARTECIPATA DELLE SEMENTI ANTICHE BELLUNESI (col supporto del noto genetisca Salvatore Ceccarelli) …
ma anche tanta convivialità

inoltre.. un consiglio…  vieni al nostro angolo delle tisane e porta la tua tazza o bicchiere -RIFIUTIaZERO
Annunci

Domani a Roma!!!! # Salvaiciclisti

Standard

Le foto di # Salvaciclisti e Reti Sociali:la pista la facciamo noi!!!

  http://roma.repubblica.it/cronaca/2012/04/24/foto/_salvaiciclisti_e_reti_sociali_la_pista_la_facciamo_noi-33862877/1/

#salvaiciclisti, aspettando Roma

Il 28 aprile si avvicina.

Il 28 aprile si terrà la più grande manifestazione della storia a sostegno della ciclabilità.

Quel giorno ai Fori Imperiali a Roma la mobilità italiana sarà condannata a cambiare per sempre perché saremo in tanti a chiedere città a misura d’uomo, a chiedere la fine della guerra sulle nostre strade. Saremo in troppi per essere ignorati ancora una volta.

Le adesioni stanno arrivando da tutta Italia: i cicloviaggiatori non si stanno lasciando sfuggire l’occasione per mettersi in strada e farsi una pedalata lungo lo stivale. Vi capiterà  di incontrarli mentre passano per il vostro paesino. Non dimenticate di offrire loro un caffè e di farci quattro chiacchiere, ma state attenti: il loro entusiasmo è contagioso e in men che non si dica rischiate di ritrovarvi in sella alla vostra vecchia bici in mezzo al loro gruppetto, diretti verso la capitale.

Altri stanno organizzando comitive per raggiungere Roma in autobus o in treno.

Ci sono ancora dei posti autobus disponibili da Milano e da Torino: andata e ritorno, 51 euro. Per prenotare il vostro posto, mandate una mail a: bus_roma28aprile@yahoo.it

Anche la Puglia invierà una delegazione consistente, posti in autobus + trasporto bici A/R a 50 €. Le info le trovate a questo link. Enrico Melissano 3494565497

Essere il 28 aprile a Roma è un dovere morale per tutti coloro che si sono lamentati almeno una volta dell’insostenibilità delle nostre strade. È in gioco la vostra vita e il futuro del vostri figli.

Il momento per puntare i piedi e cambiare direzione è adesso. Non ci sarà una seconda possibilità. Il 28 aprile è sabato, a metà del ponte tra il 25 aprile e il 1 maggio: non avete più scuse per non esserci.

Vi aspettiamo.

Fonte:    http://www.salvaiciclisti.it/

17 Aprile: giornata mondiale delle lotte contadine per la Sovranità alimentare

Standard


Il giorno 17 aprile è un giorno speciale. Persone in tutto il mondo celebrano la lotta dei contadini e delle popolazioni rurali; questo giorno commemora la morte di 19 agricoltori in Brasile, assassinati a causa della loro lotta per la terra e la dignità . Ogni anno si svolgono centinaia di eventi in tutto il mondo per difendere un nuovo sistema alimentare basato sulla Sovranità alimentare, la giustizia sociale ed amboentale, l’uguaglianza. L’agricoltura industriale dominante ha fallito. Le promesse del Vertice Mondiale sull’alimentazione del 1996, rifelesse negli Obiettivi di Sviluppo del Millennio di ridurre la fame mondiale entro il 2015, non sono state mantenute. E’ di pubblico dominio che l’Agricoltura industriale rappresenta la principale causa di inquinamento mondiale e gli allevamenti intensivi producono più CO2 e Metano (Gas Serra) di tutti i trasporti mondiali, riguardanti soprattutto prodotti agroalimentari che solcano gli oceani della globalizzazione. Migliaia di tonnellate di Pesticidi, Diserbanti, Disseccanti ed OGM, ogni anno distruggono l’Humus rendendo sempre di più la terra sterile, provocano desertificazione e causando alluvioni per mancanza di trattenimento d’acqua nei terreni, compromettono la salute degli Agricoltori e dei Consumatori. Oggi al mondo alleviamo miliardi di bovini equivalenti (un bovino equivalente è corrispondente a 3 maiali, 7 pecore, 100 polli) che mangiano almeno come 20 miliardi di persone, mentre 1 miliardo di esseri umani soffrono la fame nera… Ci stiamo mangiando l’eredità dei padri, lasciando i figli senza futuro. L’Italia usa il 35% di tutti i Pesticidi europei (in continuo aumento), con 118 residui chimici nelle acque di falda (ARPA-ISPRA). E mentre il “Bel Paese” conquista il record mondiale dei tumori infantili superando gli USA (OMS), con incremento annuo doppio (2%) rispetto alla media UE (1,1%), l’aspettativa di vita sana italiana crolla di 10 anni dal 2004 ad oggi (Eurostat). I tumori aumentano parallelmente al mercato dei Pesticidi (dati significativi in Veneto), cosi come la spesa per malattie, che supera l’80% dei bilanci regionali… Le lotte contadine sono un atto eroico, affnché Tradizioni e Culture, Biodiversità e Territori, Economie e Sicurezze alimentari, Salute ed Ambiente, non vengano spazzati via, definitivamente.

“Troppo cibo per poter mangiare tutti”
L’eccedenza in ogni settore agroalimentare, ottenuta a danno della Natura e delle popolazioni più deboli semischiavizzate, crea il crollo dei prezzi alla produzione a vantaggio di speculatori che invadono i mercati internazionali, mettendo a rischio le sicurezze alimentari e sanitaria di tutti i paesi e le loro economie agricole tradizionali.
In Italia 800.000 ditte agricole han chiuso negli ultimi 10 anni (Coldiretti), un indotto di 3 milioni lavoratori e 3 milioni di ettari di terreno agricolo abbandonati… E ci preoccupiamo della FIAT, per poche migliaia di lavoratori, che dovrebbero tornare subito in Agricoltura, approfittando proprio della crisi industriale… Molte famiglie non hanno soldi sufficienti per mangiar bene e comprano “cibo spazzatura” nei discount… non è meglio coltivare un orto o andare a lavorar in campagna?
Agroecologia e Sovranità alimentare sono due le prole chiave di un altro mondo possibile, Sovranità alimentare attraverso Produzioni Biologiche Tradizionali, Biodiversità locale e filiere corte o dirette, dai produttori ai consumatori. Per questo lottano i contadini in tutto il mondo, per liberare l’agricoltura da Pesticidi chimici, inutili e tossici, venduti da una fitta rete di commercianti senza scrupoli; lottano per liberarci dall’industria di trasformazione agro-alimentare “truccata” per i supermarkets, dal commercio speculativo, che lascia agli agricoltori meno del 20% del prezzo pagato dal consumatore.
Anche noi possiamo unirci alle lotte contadine, facendo la spesa in campagna attraverso filiere corte (GAS) o dirette dal produttore al consumatore; insegnando ai nostri figli odori e sapori veri della Natura… il Sacro profumo del Letame.
Se un GAS di 100 famiglie acquista 200 € al mese per famiglia di alimenti biologici (20.000 €), lasciando agli agricoltori il 60% del prezzo finale, abbiamo 8.000 € al mese per organizzare l’offerta, la domanda e la consegna a domicilio, furgoni ecologici inclusi (4 posti di lavoro). Cosa aspettiamo a sviluppare la SobrEconomia mettendo insieme i principi e i paradigmi concreti delll’Economia Solidale, della Sovranità alimentare e della Decrescita obbligatoria? 

Attualmente il potenziale occupazionale nazionale delle nostre campagne è di almeno 500.000 posti di lavoro (ISFOL). Che aiuterebbero il ripopolamento delle campagne ed il recupero dell’agricoltura periurbana, per un altro milione di lavoratori. Cui si aggiungono almeno 20.000 tecnici Agroecologi.
Tutto ciò è previsto dalle norme Agroambientali Europee (dal 1992), obbligatorie e prioritarie nei Piani di Sviluppo Rurale, le ricchissime finanziarie agricole regionali. Ma le cose, purtroppo, non sono andate come i legislatori europei avevano previsto e le regioni, con miopia cronica, hanno per lo più contrastato gli obiettivi della politica comunitaria agroambientale.

La Madre Terra ha risorse abbondanti per tutti i propri figli, ma non sufficienti per l’avidità dei pochi che non la rispettano, in nome del dio denaro e del potere più stupido che si possa immaginare: quello di far del male agli altri.
La Terra, le sementi e l’acqua sono state privatizzate e sono state cedute all’agroindustria. Questo ha spinto i membri delle comunità locali a migrare verso le città , lasciando dietro di loro terreni fertili che sono ora coltivati dalle multinazionali per produrre agrocarburanti, biomasse o alimenti destinati ai consumatori dei paesi ricchi. Le politiche neoliberiste si basano sull’assunto che la mano invisibile del mercato ripartirà la ricchezza in modo efficace e giusto. In realtà l’attuale crisi alimentare, iniziata in modo palese nel 2007 ed endemica, mostra che una maggiore liberalizzazione dei mercati non aiuta ad alimentare il mondo, anzi, accresce la fame e l’espulsione dei contadini dalle loro terre. Gli alimenti sono entrati massivamente nei mercati speculativi, in questi mercati i prodotti alimentari sono semplice merce su cui gli investitori possono depositare o ritirare migliaia di milioni, gonfiando bolle che poi scoppiano, disseminando miseria. I prezzi degli alimenti sono alti, sono fuori dalle possibilità dei consumatori poveri, ma ai piccoli produttori vengono pagati prezzi bassi, rendendoli sempre più poveri. I grandi commercianti, i supermercati e gli speculatori continuano ad arricchirsi a spese della fame degli altri.
È giunto il momento di cambiare radicalmente il sistema alimentare industriale. La Via Campesina , movimento che rappresenta più di 200 milioni di piccoli agricoltori in tutto il mondo ““ uomini e donne ““ propone la Sovranità alimentare come forma efficace e giusta di produrre e distribuire in tutte le comunità , tutte le provincie, tutti i paesi.
Porre in pratica la Sovranità alimentare significa difendere l’agricoltura di piccola scala, l’agroecologia e le produzioni locali in tutto il globo ogni qual volta è possibile. Chiedere che i governi appoggino questo nuovo paradigma dando ai contadini l’accesso alla terra, all’acqua, alle sementi, al credito e all’educazione, proteggendoli dalle importazioni sotto costo, creando stocks pubblici o di proprietà dei contadini e gestendo la produzione.
La Sovranità alimentare presupporebbe di dare sostegno a miliardi di persone così da ridurre la povertà , che è soprattutto un fenomeno rurale. Attualmente, del miliardo e quattrocento milioni di persone che vivvono in povertà estrema nei paesi in via di sviluppo, il 75% vive e lavora in zone rurali.
La produzione locale di alimenti e la vendita diretta da parte dei produttori ai consumatori, è garanzia che gli alimenti possano rimanere al margine del gioco capitalistico dei monopoli. Così sarebbero meno sottomessi alla specultazione. Oltre a ciò, l’agricoltura sostenibile permette la rigenerazione del suolo e dell’ambiente, preservando la biodiversità e la salute umana. Si adatta meglio ai mutamenti climatici e aiuta a raffreddare il riscaldamento globale. Questo è ciò per cui lottano i contadini della Via Campesina.
Unitevi alla nostra Giornata Globale d’Azione!
Ovunque voi vi troviate e chiunque voi siate, siete invitati a unirvi alla celebrazione del 17 aprile: organizzate un’azione, un mercato di piccoli produttori, la proiezione di film, una mostra fotografica, un dibattito, una festa, una speciale trasmissione radio o televisiva, ecc.

Informateci anticipatamente di ciò che vorrete organizzare, inviateci pòsters, foto, articoli. Li pubblicheremo su http://www.viacampesina.org
Per iscrivervi alla nostra speciale lista di posta elettronica inviate un messaggio in bianco al seguente indirizzo: via.17april-subscribe@viamcampesina.net

La Via Campesina: Via Campesina è un movimento internazionale di contadini, piccoli e medi produttori, landless, donne rurali, popoli indigeni, giovani rurali e operai agricoli. Noi siamo un movimento autonomo, pluralista e multiuculturale, indipendente da ogni tipologia di affiliazione politica o economica. Nata nel 1993, La Via Campesina oggi si compone di più di 150 organizzazioni in 70 paesi in Africa, Asia, Europa e Americhe
International Operational Secretariat:
Jln. Mampang Prapatan XIV no 5 Jakarta Selatan, Jakarta 12790 Indonesia
Tel/fax: +62-21-7991890/+62-21-7993426
Email: viacampesina@viacampesina.org

http://www.naturalmenteverona.org/17-aprile-giornata-mondiale-delle-lotte-contadine-per-la-sovranita-alimentare/