Non tutte le patate riescono col buco – (guida semiseria all’acquisto)

Standard

 

E per fortuna potrebbe dire chi le produce. Perché nessuno vuole comprare patate bucate dal “gramon”, nome in friulano per il convolvolo ,  la cui radice, se andiamo a fondo è pure curativa.

Chi ama la terra sa che se c’è l’erba c’è fertilità, ma soprattutto che non sono stati usati diserbanti e/o concimi chimici.
Ma torniamo alle patate. Personalmente preferisco quelle di taglia piccola  perché impiegano meno tempo a cucinare (chiaramente scegliendo cotture in cui non è prevista la sbucciatura), si conservano meglio e sono più saporite, poichè concentrate in un minuscolo spazio vitale.
Quindi: le novelle sono qualità precoci , a pasta bianca,  reperibili da luglio ad agosto e  sono felici di essere fritte, quindi bene se sono grandi, ma tendono  a fare il germoglio, perciò bisogna aver cura di conservarle al fresco e al buio (non nel frigo, e non sotto il lavello , ma piuttosto dentro una scatola di cartone con i buchi)
Le patate normali, quelle da purè o gnocchi, sono di buccia bianca o rossa e di pasta gialla, reperibili da agosto a settembre, si conservano tutto l’inverno ma temono il freddo, la luce e l’umidità.
Dopodichè, a meno che non vengano importate da un altro continente, scordiamoci le patate del contadino fuori stagione e attenzione:
NON SI MANGIANO QUELLE VERDI:   e non perché la clorofilla sia tossica, ma  perché, se sono state esposte alla luce e quindi malconservate, sono ricche di solanina che potrebbe provocare mal di testa da intossicazione  o con dosi elevate problemi neurologici .
COM’E’ ANDATA NEL NOSTRO ORTO:  a causa dell’estate secca e arida, la produzione è stata bassa, ma di ottima qualità, perfino le temute dorifore sono schiattate dal caldo senza che le dovessimo schiacciare ad una ad una come gli altri anni.
Oggi abbiamo raccolto le ultime patate rosse,  quelle viola (che non sono geneticamente modificate, ma antichissime e  pregiate dal sapor di castagna) e le cornette da semente.
Ma questa …. è un’altra storia.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...