Valtellina: moria di api, avvelenati oltre 300 alveari

Standard

Pesticidi utilizzati nonostante i divieti stanno causando una vera e propria strage di insetti

Pesticidi utilizzati nonostante i divieti stanno causando una vera e propria strage di insetti

“Se l’ape scomparisse dalla faccia della terra, all’uomo non resterebbero che quattro anni di vita.”. Questa la celebre frase pronunciata da Albert Einstein. “Con metodica precisione – si legge in una nota dell’Unione nazionale associazione apicoltori italiani (Unaapi) – anche quest’anno si registra un nuovo e diffuso avvelenamento di oltre 300 alveari, in un ampio comprensorio frutticolo della Valtellina. L’avvelenamento, non è dovuto all’uso irresponsabile di molecole chimiche di elevatissima e varia tossicità, ma è conseguente alle precise e dettagliate indicazioni dei locali servizi di assistenza tecnica agricola”.

L’insetticida neonicotinoide Imidacloprid è stato irrorato su meli in fioritura con conseguente avvelenamento di oltre 300 alveari nei comuni di Ponte in Valtellina, Chiuro, Tresivio, Poggiridenti, Castione Andevenno, Teglio, Postalesio. Si è quindi verificata l’ennesima strage di api.

“Eppure – si legge su ilcambiamento.it – la normativa nazionale prescrive il divieto di effettuare trattamenti con insetticidi e acaricidi sulle piante legnose ed erbacee dall’inizio della loro fioritura fino alla caduta dei petali; come pure sugli alberi di qualsiasi specie, se le vegetazioni sottostanti sono in fioritura, salvo che queste ultime siano state sfalciate.”

I neonicotinoidi, hanno un’azione neurotossica ed agiscono compromettendo le capacità neuronali delle api che non sono più in grado di ritornare al loro alveare. Quelle che ci riescono, poche, possono contaminare l’intero alveare. Questo è l’uomo. E se la profezia di Einstein si avvererà è solito merito nostro.

Fonte:    http://www.cadoinpiedi.it/2012/04/25/valtellina_moria_di_api_avvelenati_oltre_300_alveari.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...