17 Aprile: giornata mondiale delle lotte contadine per la Sovranità alimentare

Standard


Il giorno 17 aprile è un giorno speciale. Persone in tutto il mondo celebrano la lotta dei contadini e delle popolazioni rurali; questo giorno commemora la morte di 19 agricoltori in Brasile, assassinati a causa della loro lotta per la terra e la dignità . Ogni anno si svolgono centinaia di eventi in tutto il mondo per difendere un nuovo sistema alimentare basato sulla Sovranità alimentare, la giustizia sociale ed amboentale, l’uguaglianza. L’agricoltura industriale dominante ha fallito. Le promesse del Vertice Mondiale sull’alimentazione del 1996, rifelesse negli Obiettivi di Sviluppo del Millennio di ridurre la fame mondiale entro il 2015, non sono state mantenute. E’ di pubblico dominio che l’Agricoltura industriale rappresenta la principale causa di inquinamento mondiale e gli allevamenti intensivi producono più CO2 e Metano (Gas Serra) di tutti i trasporti mondiali, riguardanti soprattutto prodotti agroalimentari che solcano gli oceani della globalizzazione. Migliaia di tonnellate di Pesticidi, Diserbanti, Disseccanti ed OGM, ogni anno distruggono l’Humus rendendo sempre di più la terra sterile, provocano desertificazione e causando alluvioni per mancanza di trattenimento d’acqua nei terreni, compromettono la salute degli Agricoltori e dei Consumatori. Oggi al mondo alleviamo miliardi di bovini equivalenti (un bovino equivalente è corrispondente a 3 maiali, 7 pecore, 100 polli) che mangiano almeno come 20 miliardi di persone, mentre 1 miliardo di esseri umani soffrono la fame nera… Ci stiamo mangiando l’eredità dei padri, lasciando i figli senza futuro. L’Italia usa il 35% di tutti i Pesticidi europei (in continuo aumento), con 118 residui chimici nelle acque di falda (ARPA-ISPRA). E mentre il “Bel Paese” conquista il record mondiale dei tumori infantili superando gli USA (OMS), con incremento annuo doppio (2%) rispetto alla media UE (1,1%), l’aspettativa di vita sana italiana crolla di 10 anni dal 2004 ad oggi (Eurostat). I tumori aumentano parallelmente al mercato dei Pesticidi (dati significativi in Veneto), cosi come la spesa per malattie, che supera l’80% dei bilanci regionali… Le lotte contadine sono un atto eroico, affnché Tradizioni e Culture, Biodiversità e Territori, Economie e Sicurezze alimentari, Salute ed Ambiente, non vengano spazzati via, definitivamente.

“Troppo cibo per poter mangiare tutti”
L’eccedenza in ogni settore agroalimentare, ottenuta a danno della Natura e delle popolazioni più deboli semischiavizzate, crea il crollo dei prezzi alla produzione a vantaggio di speculatori che invadono i mercati internazionali, mettendo a rischio le sicurezze alimentari e sanitaria di tutti i paesi e le loro economie agricole tradizionali.
In Italia 800.000 ditte agricole han chiuso negli ultimi 10 anni (Coldiretti), un indotto di 3 milioni lavoratori e 3 milioni di ettari di terreno agricolo abbandonati… E ci preoccupiamo della FIAT, per poche migliaia di lavoratori, che dovrebbero tornare subito in Agricoltura, approfittando proprio della crisi industriale… Molte famiglie non hanno soldi sufficienti per mangiar bene e comprano “cibo spazzatura” nei discount… non è meglio coltivare un orto o andare a lavorar in campagna?
Agroecologia e Sovranità alimentare sono due le prole chiave di un altro mondo possibile, Sovranità alimentare attraverso Produzioni Biologiche Tradizionali, Biodiversità locale e filiere corte o dirette, dai produttori ai consumatori. Per questo lottano i contadini in tutto il mondo, per liberare l’agricoltura da Pesticidi chimici, inutili e tossici, venduti da una fitta rete di commercianti senza scrupoli; lottano per liberarci dall’industria di trasformazione agro-alimentare “truccata” per i supermarkets, dal commercio speculativo, che lascia agli agricoltori meno del 20% del prezzo pagato dal consumatore.
Anche noi possiamo unirci alle lotte contadine, facendo la spesa in campagna attraverso filiere corte (GAS) o dirette dal produttore al consumatore; insegnando ai nostri figli odori e sapori veri della Natura… il Sacro profumo del Letame.
Se un GAS di 100 famiglie acquista 200 € al mese per famiglia di alimenti biologici (20.000 €), lasciando agli agricoltori il 60% del prezzo finale, abbiamo 8.000 € al mese per organizzare l’offerta, la domanda e la consegna a domicilio, furgoni ecologici inclusi (4 posti di lavoro). Cosa aspettiamo a sviluppare la SobrEconomia mettendo insieme i principi e i paradigmi concreti delll’Economia Solidale, della Sovranità alimentare e della Decrescita obbligatoria? 

Attualmente il potenziale occupazionale nazionale delle nostre campagne è di almeno 500.000 posti di lavoro (ISFOL). Che aiuterebbero il ripopolamento delle campagne ed il recupero dell’agricoltura periurbana, per un altro milione di lavoratori. Cui si aggiungono almeno 20.000 tecnici Agroecologi.
Tutto ciò è previsto dalle norme Agroambientali Europee (dal 1992), obbligatorie e prioritarie nei Piani di Sviluppo Rurale, le ricchissime finanziarie agricole regionali. Ma le cose, purtroppo, non sono andate come i legislatori europei avevano previsto e le regioni, con miopia cronica, hanno per lo più contrastato gli obiettivi della politica comunitaria agroambientale.

La Madre Terra ha risorse abbondanti per tutti i propri figli, ma non sufficienti per l’avidità dei pochi che non la rispettano, in nome del dio denaro e del potere più stupido che si possa immaginare: quello di far del male agli altri.
La Terra, le sementi e l’acqua sono state privatizzate e sono state cedute all’agroindustria. Questo ha spinto i membri delle comunità locali a migrare verso le città , lasciando dietro di loro terreni fertili che sono ora coltivati dalle multinazionali per produrre agrocarburanti, biomasse o alimenti destinati ai consumatori dei paesi ricchi. Le politiche neoliberiste si basano sull’assunto che la mano invisibile del mercato ripartirà la ricchezza in modo efficace e giusto. In realtà l’attuale crisi alimentare, iniziata in modo palese nel 2007 ed endemica, mostra che una maggiore liberalizzazione dei mercati non aiuta ad alimentare il mondo, anzi, accresce la fame e l’espulsione dei contadini dalle loro terre. Gli alimenti sono entrati massivamente nei mercati speculativi, in questi mercati i prodotti alimentari sono semplice merce su cui gli investitori possono depositare o ritirare migliaia di milioni, gonfiando bolle che poi scoppiano, disseminando miseria. I prezzi degli alimenti sono alti, sono fuori dalle possibilità dei consumatori poveri, ma ai piccoli produttori vengono pagati prezzi bassi, rendendoli sempre più poveri. I grandi commercianti, i supermercati e gli speculatori continuano ad arricchirsi a spese della fame degli altri.
È giunto il momento di cambiare radicalmente il sistema alimentare industriale. La Via Campesina , movimento che rappresenta più di 200 milioni di piccoli agricoltori in tutto il mondo ““ uomini e donne ““ propone la Sovranità alimentare come forma efficace e giusta di produrre e distribuire in tutte le comunità , tutte le provincie, tutti i paesi.
Porre in pratica la Sovranità alimentare significa difendere l’agricoltura di piccola scala, l’agroecologia e le produzioni locali in tutto il globo ogni qual volta è possibile. Chiedere che i governi appoggino questo nuovo paradigma dando ai contadini l’accesso alla terra, all’acqua, alle sementi, al credito e all’educazione, proteggendoli dalle importazioni sotto costo, creando stocks pubblici o di proprietà dei contadini e gestendo la produzione.
La Sovranità alimentare presupporebbe di dare sostegno a miliardi di persone così da ridurre la povertà , che è soprattutto un fenomeno rurale. Attualmente, del miliardo e quattrocento milioni di persone che vivvono in povertà estrema nei paesi in via di sviluppo, il 75% vive e lavora in zone rurali.
La produzione locale di alimenti e la vendita diretta da parte dei produttori ai consumatori, è garanzia che gli alimenti possano rimanere al margine del gioco capitalistico dei monopoli. Così sarebbero meno sottomessi alla specultazione. Oltre a ciò, l’agricoltura sostenibile permette la rigenerazione del suolo e dell’ambiente, preservando la biodiversità e la salute umana. Si adatta meglio ai mutamenti climatici e aiuta a raffreddare il riscaldamento globale. Questo è ciò per cui lottano i contadini della Via Campesina.
Unitevi alla nostra Giornata Globale d’Azione!
Ovunque voi vi troviate e chiunque voi siate, siete invitati a unirvi alla celebrazione del 17 aprile: organizzate un’azione, un mercato di piccoli produttori, la proiezione di film, una mostra fotografica, un dibattito, una festa, una speciale trasmissione radio o televisiva, ecc.

Informateci anticipatamente di ciò che vorrete organizzare, inviateci pòsters, foto, articoli. Li pubblicheremo su http://www.viacampesina.org
Per iscrivervi alla nostra speciale lista di posta elettronica inviate un messaggio in bianco al seguente indirizzo: via.17april-subscribe@viamcampesina.net

La Via Campesina: Via Campesina è un movimento internazionale di contadini, piccoli e medi produttori, landless, donne rurali, popoli indigeni, giovani rurali e operai agricoli. Noi siamo un movimento autonomo, pluralista e multiuculturale, indipendente da ogni tipologia di affiliazione politica o economica. Nata nel 1993, La Via Campesina oggi si compone di più di 150 organizzazioni in 70 paesi in Africa, Asia, Europa e Americhe
International Operational Secretariat:
Jln. Mampang Prapatan XIV no 5 Jakarta Selatan, Jakarta 12790 Indonesia
Tel/fax: +62-21-7991890/+62-21-7993426
Email: viacampesina@viacampesina.org

http://www.naturalmenteverona.org/17-aprile-giornata-mondiale-delle-lotte-contadine-per-la-sovranita-alimentare/

Annunci

Una risposta »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...